NEWSLETTER GIUGNO 2020 - OCRATOSSINA

NEWSLETTER DI GIUGNO 2020  OCRATOSSINA A: IL NUOVO DOCUMENTO EFSA. I LIVELLI PIÙ ALTI TRA ESTRATTI VEGETALI, AROMI E PEPERONCINO

 

L’ocratossina A (OTA) è una tossina prodotta da diversi tipi di muffe dei generi Aspergillum Penicillium, presente in numerosi alimenti tra i quali i cereali, la carne conservata, la frutta fresca e secca e i formaggi, ed è nota da tempo per essere una sostanza pericolosa per gli animali, tossica per il rene e cancerogena. Inoltre si sapeva che è genotossica sia in vitro che in vivo, e cioè che agisce direttamente sul DNA, anche se non si conosceva bene il meccanismo di tale effetto.

L’ultima valutazione dell’Efsa, del 2006, si atteneva a questi elementi, e forniva limiti di assunzione settimanali, ma ora ne è uscita una versione  aggiornata  , più restrittiva e improntata a una maggiore prudenza, perché gli studi effettuati nel frattempo hanno chiarito meglio i complessi meccanismi di azione sui geni, e messo in luce che la sostanza è probabilmente peggiore di quanto ritenuto finora. Tra gli alimenti che contribuiscono di più all’esposizione da ocratossina A ci sono i formaggi

 

 

 

 

 

ISS: RACCOMANDAZIONI SUI DISINFETTANTI NELL’ATTUALE EMERGENZA COVID-195 MAGGIO 2020

Il rapporto n. 19/2020 pubblicato dal ISS - Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico-chirurgici e biocidi, presenta una panoramica relativa all’ambito della “disinfezione” con l’intento di chiarire punti quali: tipologia di prodotti disinfettanti, sia per la cute umana sia per le superfici, disponibili sul mercato italiano, efficacia di questi prodotti contro i virus, etichette di pericolo presenti sui prodotti, condizioni per un loro corretto utilizzo al fine di garantirne efficacia e sicurezza d’uso.
Per contenere l’emergenza sanitaria COVID-19 si rende necessario, tra l’altro, che gli operatori, le imprese e la popolazione più in generale, adottino comportamenti adeguati per una corretta igiene delle mani e una efficace disinfezione delle superfici e degli ambienti. A tale scopo il Rapporto n. 19/2020 fornisce una serie di informazioni sulla tipologia di prodotti a disposizione e sulle procedure da seguire per limitare la diffusione del virus.
Le istituzioni nazionali e internazionali concordano sul fatto che le prime misure di sicurezza da attuare siano quelle di lavare le mani, frequentemente e accuratamente, con acqua e sapone per almeno 60 secondi ogni qual volta si pensi di essere venuti a contatto con superfici/oggetti o parti del corpo contaminate e, qualora non sia possibile, di disinfettare le mani con un disinfettante per la cute. Inoltre, per quanto attiene le superfici potenzialmente infette con le quali si viene a contatto, le misure prevedono un’accurata pulizia con detergente e la disinfezione con PRESIDI A BASE DI CLORO, ALCOLI, PEROSSIDO DI IDROGENO
O MISCELE DI AMMONI QUATERNARI.

Il Rapporto n. 19/2020 contiene un’ampia panoramica relativa all’ambito della “disinfezione”, a partire dalla tipologia dei prodotti disponibili sul mercato, la loro efficacia, le informazioni sui pericoli, la normativa di riferimento nonché le condizioni per un utilizzo corretto e consapevole.

 

ISS: GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA LEGIONELLA NEGLI IMPIANTI IDRICI, NON UTILIZZATI DURANTE LA PANDEMIA COVID-19

Il rapporto n. 21/2020 pubblicato dal ISS - Guida per la prevenzione della contaminazione da Legionella negli impianti idrici di strutture turistico recettive e altri edifici ad uso civile e industriale, non utilizzati durante la pandemia COVID-19, è un documento che fornisce raccomandazioni tecniche specifiche relative alla prevenzione, controllo e gestione del rischio Legionella negli impianti idrici alla luce dell’emergenza COVID-19.
Questa guida ha lo scopo di fornire indicazioni ai responsabili di tutti gli impianti a rischio di trasmissione di Legionella di strutture turistico recettive, (rientranti nel codice ATECO 55) e altri edifici ad uso civile e industriale su come controllarne la proliferazione per evitare:
- il verificarsi di casi in ospiti e lavoratori di strutture turistico-recettive o di altri edifici alla riapertura degli impianti
- l’aggravamento dello stato di salute di pazienti già infettati da Sars-Cov-2 che potrebbero essere collocati in complessi adattati a strutture ospedaliere o per la quarantena.
In questo periodo, infatti, il ristagno dell’acqua e l’uso saltuario di alcuni impianti, potrebbero determinare un grave rischio per la trasmissione della legionellosi. Il documento è indirizzato ai responsabili/gestori di strutture turistico recettive, edifici civili, e alle autorità preposte alla tutela della salute. Le indicazioni contenute nel documento sono ad integrazione di quanto già indicato per le suddette strutture nelle linee guida nazionali per la prevenzione e il controllo della legionellosi e in accordo con il   DLgs 81/2008   e i dettami del  DM 14 GIUGNO 2017   inerente i piani di sicurezza dell’acqua.
La chiusura di edifici o parti di essi, il loro uso limitato o l’adeguamento/costruzione di edifici per ospitare malati o contatti di casi in quarantena conseguente alla pandemia COVID-19, se non gestita in modo adeguato, può aumentare il rischio di crescita di Legionella negli impianti idrici e nei dispositivi associati.

 

MARINO S.R.L.                               

Resp. Comm. Grazia Martuccio

Via Nazionale Appia N. 81

81028 Santa Maria A Vico – Caserta

tel 0823/758335 -0823/809895
fax 0823/809352

labo@marino.it


NEWSLETTER GIUGNO 2020 - CLORATO

REG. (UE) N. 2020/749 CHE MODIFICA IL REG. (CE) N. 396/2005 PER I LIVELLI MASSIMI RESIDUI DI CLORATO IN O SU DETERMINATI ALIMENTI

 

 

 

 

 

Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea GU L 178 del 8 giugno 2020, è stato pubblicato il Regolamento UE 2020 /749  della Commissione del 4 giugno 2020 che modifica l’allegato III del regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i livelli massimi di residui di clorato in o su determinati prodotti.

Prima di questo regolamento, per il clorato non sono stati fissati livelli massimi di residui (LMR) specifici e, poiché tale sostanza non è stata iscritta nell’allegato IV del Reg. (CE) n. 396/2005, attualmente, a tutti i prodotti alimentari e mangimi iscritti nell’allegato I di detto regolamento si applica l’LMR di base pari a 0,01 mg/kg. Oltre al suo impiego primario in prodotti fitosanitari, il clorato è anche una sostanza che si forma come sottoprodotto derivante dall’utilizzo di disinfettanti a base di cloro nel trattamento degli alimenti e dell’acqua potabile. Tali usi hanno determinato l’attuale presenza di residui di clorato rilevabili negli alimenti.
Tra il 2014 e il 2018, l’EFSA ha raccolto i dati di monitoraggio al fine di verificare la presenza di residui di clorato nel trattamento degli alimenti e dell’acqua potabile. Tali dati hanno evidenziato che i residui di clorato sono presenti a livelli che superano di frequente l’LMR di base pari a 0,01 mg/kg e che tali livelli variano in funzione dell’origine e del prodotto. Emerge da tali risultanze che, nonostante l’impiego di buone prassi, non è al momento possibile raggiungere livelli di residui di clorato conformi all’LMR vigente pari a 0,01 mg/kg.
L’EFSA ha adottato un parere scientifico inerente ai rischi per la salute pubblica connessi alla presenza di clorato negli alimenti in cui ha stabilito una dose giornaliera tollerabile (DGT) pari a 3 μg/kg di peso corporeo al giorno e una dose acuta di riferimento (DAR) pari a 36 μg/kg di peso corporeo. Sulla base dei dati raccolti nel 2014, l’Autorità ha concluso che l’esposizione alimentare acuta al clorato non supera la DAR. Le esposizioni alimentari medie al clorato nei paesi europei superano la DGT in determinati sottogruppi della popolazione quali i lattanti e i bambini nella prima infanzia con una lieve o moderata carenza di iodio.
Al fine di abbassare i livelli di clorato e ridurre l’esposizione mediante un’azione coordinata in diversi settori pertinenti e correlati, nel 2017 gli Stati membri hanno approvato un piano d’azione multidisciplinare che prevede una serie di iniziative da intraprendere in parallelo, comprese misure sull’acqua potabile, l’igiene, e la fissazione di livelli massimi di residui provvisori per alimenti e mangimi.
In linea generale, secondo i dati di occorrenza raccolti tra il 2014 e il 2018 da Stati membri ed operatori del settore alimentare, risulta esserci una tendenza generale a livelli decrescenti, e ciò indica che le prassi di fabbricazione sono in una certa misura già migliorate. Nel caso specifico del clorato, per il quale i residui non derivano dall’impiego di pesticidi, bensì dall’impiego di soluzioni a base di cloro nella trasformazione alimentare e nel trattamento dell’acqua potabile, si è reso necessario fissare dei livelli massimi a un tenore che sia «tanto basso quanto ragionevolmente ottenibile» (principio ALARA), attenendosi alle buone prassi di fabbricazione e garantendo al contempo la possibilità di mantenere corrette prassi igieniche. Questo approccio garantisce che gli operatori del settore alimentare applichino misure per prevenire e ridurre il più possibile i livelli di clorato negli alimenti al fine di tutelare la salute pubblica, pur tenendo in considerazione la necessità di assicurare la sicurezza microbiologica degli alimenti. Di conseguenza, viene modificato il Reg. (CE) n. 396/2005. Gli LMR provvisori per il clorato verranno rivisti entro l’8 giugno 2025. Per quanto concerne l’entrata in vigore del Reg. (UE) n. 2020/749, obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in tutti gli Stati membri, è prevista per il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE. L’allegato del Reg. (UE) n. 2020/749 va a modificare l’allegato III, parte A, del regolamento (CE) n. 396/2005, aggiungendo la colonna per il clorato. Vengono riportati anche i LMR per prodotti di origine animale, tra cui i derivati da carni di bovini, ovini e caprini.

 

MARINO S.R.L.                               

Resp. Comm. Grazia Martuccio

Via Nazionale Appia N. 81

81028 Santa Maria A Vico – Caserta

tel 0823/758335 -0823/809895
fax 0823/809352

labo@marino.it